Mc 9,2-13 – VI per annum, sabato

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sopra un monte alto, in un luogo appartato, loro soli. Si trasfigurò davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè, che discorrevano con Gesù. Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù: “Maestro, è bello per noi stare qui; facciamo tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia!”. Non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento. Poi si formò una nube che li avvolse nell’ombra e uscì una voce dalla nube: “Questi è il Figlio mio prediletto: ascoltatelo!”. E subito, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare a nessuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risuscitato dai morti. Ed essi tennero per sé la cosa, domandandosi però che cosa volesse dire risuscitare dai morti. E lo interrogarono: “Perché gli scribi dicono che prima deve venire Elia?”. Egli rispose loro: “Sì, prima viene Elia e ristabilisce ogni cosa; ma come sta scritto del Figlio dell’uomo? Che deve soffrire molto ed essere disprezzato. Orbene, io vi dico che Elia è già venuto, ma hanno fatto di lui quello che hanno voluto, come sta scritto di lui”.

Voglio ricordare questo brano in modo un poco diverso dal solito: come icona del dialogo giudeo-cristiano. Dialogo solitario sebbene i cristiani vivano “da millenni sfiorandosi l’un l’altro senza guardarsi negli occhi”, “è in corso un dialogo che non è dato in loro potere di interrompere. Un dialogo pregno dell’Essere, più profondo di ogni libertà, degli individui come dei popoli, un dialogo tra cielo e terra, in cui il figlio dell’uomo trasfigurato interloquisce con Mosè ed Elia” (Balthasar, Dialogo solitario, pp. 39-40).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento